I.T.A.S. “ A.TOSI ”
Viale Marconi, 58/60 - 26845 Codogno ( Lo)
             Referente: Prof. Francesco Saladino 338/5699313
          Tel. 0377/32250 - Fax 0377/37265
           E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
           Web: www.agrariotosi.it
 
 
 
Titolo progetto
FILIERA LATTIERO-CASEARIA  ( conoscere il prodotto caseareo storico della nostra città ….. “ il provolone” ).
 
 
 
 
Finalità perseguite con la realizzazione del progetto
Il progetto propone un percorso di approfondimento sul latte e i suoi derivati in particolar modo il PROVOLONE. Durante l'attività verranno fatte conoscere al visitare tutte le fasi della  trasformazione del  latte in provolone.
 
 
 
Soggetto attuatore 
Azienda agricola sperimentale ITAS “A. Tosi”
 
 
 
 
Referente soggetto attuatore
Prof.  Francesco  Saladino
 
 
Caratteristiche del soggetto promotore
La fattoria didattica ITAS “A. Tosi”, essendo un Istituto scolastico di formazione superiore può offrire all'utente altri spunti didattici quali : baco da seta, api,  floricoltura ecc..
E' possibile il fine settimana e in alcuni periodi dell'anno usufruire del servizio ristorazione  su prenotazione.
 
 
 
 
 
 
Descrizione del progetto
 
 
All'utente/visitatore verranno illustrate tutte le fasi della trasformazione del latte in formaggio ( PROVOLONE)  nel caseificio aziendale.
Per ottenere formaggio a pasta filata, come il provolone, la cagliata viene  lasciata a riposare e inacidire. Dopo 4-5 ore la fermentazione ha reso morbida e soffice la pasta che viene in seguito tagliata in pezzi della dimensione di nocciole e
impastata in acqua molto calda (80°-85°). Quando l'impasto è pronto, viene filato con le mani e messo negli stampi della dimensione della provola voluta ( 1-2-5 kg ); la pasta con lo stampo viene messa in acqua molto fredda in modo che si indurisca e si formi una pellicola che contiene la pasta morbida.
I formaggi così ottenuti vanno immersi in salamoia. La stagionatura avviene in locali a temperatura ambiente. Talvolta i formaggi vengono affumicati.
Il nostro è ancora un caseificio artigianale dove la filatura e la messa in forma delle  scamorze, provole e caciocavallo vengono fatte a mano.
Alla fattoria didattica può accettare utenza di vario profilo : sia famiglie con bambini sia operatori qualificati; ed e in grado di accettare anche le richieste di partecipazioni da parte di stranieri.
Il lotto minimo di utenti partecipanti e di 20 25 persone ;
Le attività si svolgeranno presso il caseificio della fattoria didattica;
La durata del ciclo formativo sarà espletata nell'arco di 4-5 ore ( dalle ore 9,00 alle ore 13,00);
 
 
 
Elementi di forza del progetto 
Nella fattoria Didattica è sempre aperto un punto vendita di prodotti alimentari tipici del territorio prodotti in azienda: cotognata, miele, marmellata di more, provolone e formaggi vari.
 
 
Vincoli che connotano il progetto 
Nel periodo da luglio ad agosto la disponibilità della/e struttura/e e del personale è limitato ai soli giorni settimanali( escluso sabato, domenica e festivi) .
 
 
Costi
Il costo di partecipazione  che dovrà essere sostenuto dall’utente é di € 10,00.
Gli utenti diversamente abili ( certificati ) non dovranno sostenere nessun costo.
Il costodel BUFFET ( RISOTTO,  FORMAGGI, SALUMI, ACQUA ,VINO); e di Euro 15,00 ADULTI, EURO 10,00 BAMBINI . PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA.
 
 
 
 
Note
Se il numero degli utenti è superiore ai 20/25 saranno costituiti due omogenei gruppi di utenti:
-        il primo va in caseificio a fare la lavorazione del provolone;
-        il secondo fa attività di bachicoltura;
-         dopo i gruppi si scambieranno le attività;
Alla fine delle attività verrà offerto una degustazione  di formaggi aziendali.
 
 
 
                         
                                                                                                               IL COORDINATORE DELLA AZIENDA
                                                                                                                  PROF. SALADINO FRANCESCO

 

 

 

Vai all'inizio della pagina